ecologia politica

Partiti, movimenti, reti

   di Massimo Marino

Esistono ancora i Partiti in Italia, quanti sono, chi o cosa rappresentano, su cosa si dividono, hanno obiettivi che riguardano il paese o sono autoreferenziali, sono ancora utili, è possibile oggi allearsi con qualcuno di loro?
Quali e quanti sono i movimenti che aspirano al cambiamento, chi rappresentano, perché sono divisi, che cosa impedisce la loro unione, hanno un peso e quale nella società italiana, sono in grado di cambiare il paese, gli interessa, con quale percorso possono farlo?

Per discuterne è ben cominciare dall’inizio.
1    Già Max Weber, sociologo tedesco, agli inizi del ‘900 affermava con chiarezza che il ruolo dei partiti era quello di ottenere il controllo del governo (e prima del parlamento), dare il potere ai loro capi (leader), ottenere vantaggi (personali e di gruppo).

Gruppo Cinque Terre: incontro preconclave di Bologna - venerdì 28 gennaio ore 18,30

                                              invito

 In occasione del Conclave Ecologista e Civico che  inizierà a Bologna sabato 29 gennaio alle ore 11 presso la Scuderia, Piazza verdi 2  si svolgerà, la sera prima,  l’incontro del GCT  (e osservatori  invitati ) presso l’Albergo Rossini in via dei Didiena 11 ( di fronte al Teatro Comunale )  a pochi metri dalla sede del conclave.

L’incontro avrà inizio venerdì alle ore 18,30 con pausa alle 21 per cena e riprenderà alle 22  fino alle ore 24 circa.

 

Conclave ecologista e civico: 29-30 gennaio 2011

  Si è avviato il percorso che porterà, per la  prima volta in Italia, ad un incontro nazionale fra le tante  realtà ecologiste e civiche per discutere se esistono  le basi per l’avvio di un processo unitario e aperto verso un nuovo movimento politico nazionale inclusivo e partecipato; il Conclave non impegna nessuno se non ad esprimere le proprie idee e le proprie proposte e confrontarle con gli altri per dare un contributo attivo in questa direzione; a partire dall’ 1 gennaio ogni settimana aggiorneremo l’elenco dei gruppi e realtà organizzate sul piano nazionale o regionale che aderiscono.

AUTOCONVOCAZIONE INCONTRO 29-30 GENNAIO 2011
A tutti i movimenti e le reti interessate ad un progetto di aggregazione politica ispirata a criteri di sostenibilità ambientale, equità sociale, partecipazione democratica.

Care Amiche e Cari Amici,

 

Ecologisti: Una nuova Italia, una nuova politica

  di Giovanni Chiambretto *

 Iniziata l’agonia del berlusconismo, dalla Sicilia al Tirolo è tutto un fervore di iniziative e confronti per vedere se è possibile costruire una iniziativa politica unitaria che aggreghi il frammentato mondo ecologista italiano.
In questi anni siamo stati travolti da semplificazioni concettuali che rendono precario e relativo questo confronto. Sarrebbe opportuno concordare tutti su alcune definizioni che facilitino e rendano più certo il confronto. Per esempio la definizione della collocazione politica degli ecologisti ( “ ne di destra, ne di sinistra ”).

Europe Ecologie: guai in vista?

  di Massimo Marino

  In Italia nessuno se ne è accorto, ma Europe Ecologie non esiste più; al termine del congresso di 4000 delegati  a Lione, con il quale ufficialmente è nato il terzo partito della Francia, che porterà l’ex  magistrato anticorruzione  Eva Joly fra 16 mesi  alla sfida delle elezioni presidenziali del 2012, il nome è stato cambiato, espressione del compromesso fra i diversi fondatori : Europe Ecologie-Les Verts  è il nuovo nome e Cecile Duflot, segretaria di Le verts, è diventata responsabile della nuova formazione.

Germania: La sfida dei Verdi , sono sempre più forti e puntano su Berlino

    Al Congresso Özdemir e la Roth rieletti leader.

     Nei sondaggi primi in alcuni Länder

 Nella galleria degli abbagli politici, questo di Helmut Schmidt ha un posto di rilievo: «I Verdi? – disse ai giornalisti nel 1980, quando era cancelliere e i Grünen avevano appena tenuto il congresso di fondazione -. Non sono un partito, sono solo idioti ambientalisti che presto saranno scomparsi». Trent’anni dopo, quello stesso partito sta tenendo, in questo fine settimana a Friburgo, un congresso dal quale guarda  dall’alto la politica tedesca.
I Verdi sono il fenomeno del momento, i sondaggi li danno stabilmente sopra al 20%, qualche volta più forti della stessa Spd di Schmidt, in certe regioni dell’Ovest primi, davanti anche ai cristiano-democratici di Angela Merkel. Un caso  unico che sta cambiando il panorama politico tedesco, introduce una novità non da poco per l’intera Europa e fa pensare che la Germania sia ormai un Paese verde.

Intervista a Cohn Bendit

…Ospite e padrino della Costituente Ecologista, che il 18 novembre si è riunita al Teatro Eliseo di Roma, Cohn-Bendit ha rapito l’attenzione della platea parlando dell’importanza di unire i movimenti ecologisti all’interno di un percorso condiviso, “né a destra né a sinistra, ma avanti”, e sottolineando la necessità di convincere le persone, senza eccedere in catastrofismi, per arrivare ad una trasformazione green della società e della politica. Il suo messaggio in ultima sintesi? Per superare la crisi ambientale-economica-sociale serve maggior coesione tra i movimenti ed una loro migliore partecipazione nella società.

Giappone: Kazumi Inamura primo sindaco verde

  Una donna è il primo sindaco verde eletto in Giappone (54%),  nella città di Amagasaki (460.000 abitanti)

Global Greens Statement  22 November 2010
 Kazumi Inamura receives 54% of the vote to become the First Green Mayor Elected in Japan
Greens candidate Ms. Kazumi Inamura was elected the City Mayor of Amagasaki on Sunday 21 November with an overwhelming 54.3% of the vote. This is the first time in Japan that a Green candidate has been elected to the position of Mayor and the Global Greens congratulate Kazumi Inamura and Gre
ens Japan on this landmark success.

ANCHE NEL LAZIO NASCONO I NUOVI ECOLOGISTI

In data 8 novembre 2010 sono nati gli Ecologisti del Lazio per promuovere un movimento culturale, sociale, economico e politico - ma non partitico – per una trasformazione profonda della società, dell’economia e della cultura.

Costruire insieme una vita migliore è possibile ormai solo al di fuori e oltre le tradizionali visioni di destra e di sinistra attraverso una visione e una pratica ECOLOGISTA concreta e coerente.

Gli Ecologisti del Lazio invitano ad aderire e partecipare tutti i cittadini e le associazioni che vogliono cambiare il modo di vivere insieme su questo Pianeta

Per contatti: ecologisti.lazio@gmail.com